il NUOVO CAFFE' | ASTIGIANI SVEGLIA L’OSPEDALE NON SERVE SOLO AI MALATI..
3059
single,single-post,postid-3059,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

ASTIGIANI SVEGLIA L’OSPEDALE NON SERVE SOLO AI MALATI..

ASTIGIANI SVEGLIA L’OSPEDALE NON SERVE SOLO AI MALATI..

Astigiani sveglia” l’ospedale non serve solo ai malati..

OSPEDALE  LOBO astigiani svegli  copia

Cari amici proviamo a ragionare insieme: in questo momento nessuno si sta accorgendo che stiamo perdendo parti importanti dell’ospedale di Asti ,in molti se ne renderanno conto solo quando ne avranno bisogno, ma allora sarà’ troppo tardi! La battaglia politica e sociale deve essere fatta e sostenuta adesso, presso le istituzioni ,sensibilizzando l’opinione pubblica.
Per far questo è’ necessario pensare che l’ospedale è’ la più’ grossa azienda presente in Asti,con oltre …passaggi giornalieri.
Al suo indotto sono legate molteplici attività’: cooperative di servizi,bar,ristoranti, alberghi,agenzia immobiliari, mezzi pubblici,farmacie, parafarmacie, studi medici, senza contare quanto era costato in termini  di denaro pubblico ed ora un po’ per volta la  Giunta Chiamparino,o. sta svuotando.Perche? Sicuramente non per mancanza di fondi,che invece ci sono, e neanche per esuberi di posti letto, ove invece siamo al di sotto della media,  ma perche’ preferisce investire questi fondi in progetti  più’ congeniali alle loro priorità’, tagliando Asti anziché’ Torino, per esempio (li si’ che ci sono gli esuberi).
Inoltre l’Assessore alla Sanità’ Saitta ha gia’deciso di non dare corso alla realizzazione dell’ospedale della ValleBelbo,cosi’ tutti gli investimenti che sono gia’stati utilizzati per la sua progettazione,andranno sprecati!!!!!Ma si puo’essere così ‘ ottusi  e poco lungimiranti!!!,
Nelle nostre campagne l’economia degli ultimi anni si è’ basata sulla vendita di case,terreni ed aziende agricole a tedeschi, norvegesi,svizzeri,senza contare che diventando patrimonio Unesco, il nostro territorio verrà’ preso in considerazione da turisti di tutto il mondo!,,!!! Io mi domando con quale coraggio li accoglieremo se per raggiungere un ospedale ci metteranno un’ora, dovremmo avvisarli che prima di avere un infarto o prima di partorire devono darci le coordinate del satellitare?
Come sempre una certa politica di bottegA e di poltrone prevale sui bisogni reali delle persone, determinando la differenza tra politicante e politico, cerchiamo di fargli capire che noi , dei primi, non sappiamo cosa farcene!!!!!!