il NUOVO CAFFE' | COME DIFENDERE I PROPRI DIRITTI CIVILI E SOCIALI SENZA DEMAGOGIA E FARSI PRENDERE IN GIRO
3131
single,single-post,postid-3131,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

COME DIFENDERE I PROPRI DIRITTI CIVILI E SOCIALI SENZA DEMAGOGIA E FARSI PRENDERE IN GIRO

COME DIFENDERE I PROPRI DIRITTI CIVILI E SOCIALI SENZA DEMAGOGIA E FARSI PRENDERE IN GIRO

Avvocato Galvagno, Lei esce spesso  sui giornali  con la rubrica  sui “Diritti civili”.

Qual’è è lo scopo dell’iniziativa?

MARCO DIRITTI SOCIALI ECome avvocato mi confronto   quotidianamente con situazioni complicate  dove  constato che il più debole rischia sempre di avere la peggio . Questo è ingiusto e  fa perdere  fiducia nella società e nella giustizia.  Come  associazione  ci sentiamo perciò  impegnati  ad  aiutare chi ci  chiede di trovare  la giusta strada per far valere le proprie ragioni. Sarà  poca cosa ma  è servita a  tanta gente  per ritrovare fiducia in se stessa  e nella   giustizia..

 Cosa intende per difesa dei  diritti

Innanzi  tutto il diritto di ogni individuo a non essere  “annientato” solo perché attraversa un momento di difficoltà economica.  Se  uno perde il lavoro  e va incontro a dei problemi, scattano  subito dei meccanismi che  in breve  tempo possono portare alla  rovina  lui e la sua famiglia.  In una società ben  regolata  questo non deve accadere perché  non giova a nessuno.   Sono debitore, devo pagare, voglio pagare, ma dammi  il tempo per poterlo fare, senza strozzarmi..

Cosa vuol questo sul piano legale?

Che oggi  in molti casi  ricorrendo al giudice si possono ottenere delle soluzioni che permettono di uscire da situazioni  disperate . Alcune sentenze hanno infatti  messo  un freno alle  esecuzioni  brutali praticate in taluni casi  da organismi  pubblici , tipo Equitalia individuando dei percorsi  che  permettono di  trovare delle ragionevoli soluzioni.

E su quello sociale?

Che bisogna aiutare  le persone ad essere “ cittadini” e  non “clienti “ , quindi  a non chiedere all’Autorità di  risolvere i  loro  problemi mediante  piaceri e  raccomandazioni,  ma  attraverso l’applicazione di regole chiare e trasparenti per tutti , le uniche  possono dare garanzie anche alla piccola gente.