il NUOVO CAFFE' | DEBITI CANCELLATI PER I CONSUMATORI E LE PICCOLE IMPRESE CON TROPPI DEBIT
3199
single,single-post,postid-3199,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

DEBITI CANCELLATI PER I CONSUMATORI E LE PICCOLE IMPRESE CON TROPPI DEBIT

DEBITI CANCELLATI PER I CONSUMATORI E LE PICCOLE IMPRESE CON TROPPI DEBIT

Esdebitazione

 

DEBITI CANCELLATI PER I CONSUMATORI

E LE PICCOLE IMPRESE CON TROPPI DEBIT

marco esdebitazioneNella rubrica del 3 marzo 2015 avevamo parlato della legge n. 3/2012, anche nota come salva – suicidi. Una norma che lascia una scappatoia ai privati cittadini che, non riuscendo a ripagare i propri debiti, si trovano in una situazione di sovra-indebitamento.

Siccome ci sono arrivate moltissime richieste di chiarimenti abbiamo deciso di parlarne ancora.

Lo scorso 28 gennaio, con ben tre anni di ritardo, è entrato in vigore il cosiddetto procedimento di esdebitazione che permette ai singoli cittadini di “dichiarare fallimento”.

Purtroppo la possibilità di affrontare a testa alta i propri debiti è ancora oggi praticamente sconosciuta ai più.

Fortunatamente, in queste settimane, la norma è tornata agli onori della cronaca per via della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del procedimento di esdebitazione che fissa i requisiti che devono avere gli organismi che dovranno gestire la procedura.

Anche se è presto per fare un bilancio, abbiamo studiato il salva – suicidi e ci siamo convinti che possa essere un’ancora di salvezza per le famiglie. Da uno studio di diritto comparato è emerso che in altri Paesi funziona da tempo. Possiamo farlo decollare anche in Italia.

Senza temere di essere ripetitivi: è una questione di civiltà giuridica.

Ecco perchè ce ne siamo occupati tanto e ce ne occuperemo ancora.

Scriveteci e raccontateci come state affrontando il problema dei troppi debiti.

Mi rendo conto che sia difficile, ma l’importante è non abbattersi e lasciare che i debiti travolgano la nostra vita, il futuro della nostra famiglia, la nostra stessa dignità.

Può darsi che ragionando insieme, riusciremo a trovare soluzioni e vie d’uscita.

 

Cordialità.

Marco Galvagno