il NUOVO CAFFE' | DUE LETTERE “INTERESSANTI” SU PALAZZO ALFIERI : QUALCUNO CONTROLLI – IL RUOLO DEL COMUNE
3290
single,single-post,postid-3290,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

DUE LETTERE “INTERESSANTI” SU PALAZZO ALFIERI : QUALCUNO CONTROLLI – IL RUOLO DEL COMUNE

DUE LETTERE “INTERESSANTI” SU PALAZZO ALFIERI : QUALCUNO CONTROLLI – IL RUOLO DEL COMUNE

.

Palazzo Alfieri/1. Qualcuno controlli
Con viva soddisfazione apprendo che il dottor Bianchino ha recuperato molto in fretta, e le «batterie scariche» causa delle sue dimissioni sono di nuovo al massimo livello. E così devono essere per aver riposto in modo puntuale, dal suo punto di vista, alla problematica del palazzo Alfieri, omettendo tutto ciò che lo coinvolgeva direttamente a iniziare, come tutta la città è a conoscenza, che proprio lui in quanto creatore e referente della Fondazione Guglielminetti, ha voluto ingrandire la sede.
Per quanto riguarda l’artigiano degli arazzi, è semplicemente vergognoso accettare quanto succede. Spero che qualche persona al di sopra delle parti accerti la situazione.
Mi sono deciso a scrivere in quanto proprio in questi giorni ho ricevuto le cartelle esattoriali inerenti una cifra esorbitante di tasse per un fabbricato avuto in eredità dai miei genitori, frutto di una vita di sacrifici e ora fonte di problemi.
Pensare che i miei soldi e quelli dei miei concittadini finanzieranno un’opera che da vent’anni e oltre si trascina con sprechi, costi esorbitanti e palesi responsabilità, essere certo di aiutare a realizzare una sede a esclusivo servizio di privati, mi fa veramente imbufalire e smettere di inculcare ottimismo a mia figlia che si affaccia al mondo del lavoro.
FLAVIO ROBBA
Palazzo Alfieri/2. Il ruolo del Comune
Il professor Bianchino, nella sua risposta a Luigi Florio, ha opportunamente omesso di ricordare che uno dei tanti ritardi nella riapertura è responsabilità del Comune. Perché dieci anni dopo il primo intervento al tetto, di competenza del Comune, fu necessario intervenire nuovamente a causa delle infiltrazioni che si erano verificate. E non si trattava di macchie di umidità, ma di uno stillicidio decisamente rilevante, che rovinò anche il palquet.
Emanuela AlbaPALAZZO alfieri2