il NUOVO CAFFE' | OSPEDALE: A FORZA DI TAGLI DOVE ANDREMO A FINIRE? QUATTRO ANNI FA A CAUSA DI UN INCIDENTE HO CAPITO COSA VUOL DIRE..
2968
single,single-post,postid-2968,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

OSPEDALE: A FORZA DI TAGLI DOVE ANDREMO A FINIRE? QUATTRO ANNI FA A CAUSA DI UN INCIDENTE HO CAPITO COSA VUOL DIRE..

OSPEDALE: A FORZA DI TAGLI DOVE ANDREMO A FINIRE? QUATTRO ANNI FA A CAUSA DI UN INCIDENTE HO CAPITO COSA VUOL DIRE..

Quattro anni fa a causa di un grave incidente automobilistico fui ricoverato per un mese al Cardinal Massaia, reparto di chirurgia, qui ho potuto apprendere che un reparto non è un’isola a se stante, ma fa parte di una grande orchestra in cui ognuno suona con diligenza il suo spartito; solo la collaborazione di tutti però porta alla cura e alla guarigione del malato. Mentre ero ricoverato in chirurgia, oltre che dal primario, dai medici e dal personale infermieristico del reparto fui seguito dal primario di dietologia (avevo perso molto sangue ed avevo bisogno di una dieta specifica), dal primario di chirurgia maxillo-facciale, da una psicologa e da una fisioterapista che mi seguivano ogni giorno. Dopo le dimissioni frequentai l’ospedale ancora per un anno, purtroppo a seguito dei postumi dell’incidente contrassi un infezione ossea, osteomielite, per cui seguito dal reparto di infettivologia mi recai ogni mattina in ospedale, per otto mesi, sabato e domenica compresi, per essere sottoposto a terapia antibiotica.

Ancora oggi mi chiedo come avrei fatto a superare i miei problemi di salute senza la professionalità e l’umanità di queste persone che fanno grande il nostro ospedale.

La “cattiva politica” oggi, in nome del risparmio di bilancio, vorrebbe tagliare 12 o forse “solo 6” dei reparti del Massaia, ignorando completamente i bisogni dei cittadini e dei malati ma, come ci ha ricordato il nostro Vescovo, a forza di tagliare dove andremo a finire?

Mario VespaVespa mario ospedale