il NUOVO CAFFE' | PERCHE’ DIFENDERE L’INTEGRITA’ DELL’OSPEDALE DI ASTI? PERCHE’ L’OSPEDALE VUOL ANCHE DIRE ECONOMIA, SVILUPPO, LAVORO. PER QUESTO NON DOBBIAMO ABBANDONARE QUESTA LOTTA PER EVITARE LA PESANTE MUTILAZIONE ANNUNCIATA.
3135
single,single-post,postid-3135,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

PERCHE’ DIFENDERE L’INTEGRITA’ DELL’OSPEDALE DI ASTI? PERCHE’ L’OSPEDALE VUOL ANCHE DIRE ECONOMIA, SVILUPPO, LAVORO. PER QUESTO NON DOBBIAMO ABBANDONARE QUESTA LOTTA PER EVITARE LA PESANTE MUTILAZIONE ANNUNCIATA.

PERCHE’ DIFENDERE L’INTEGRITA’ DELL’OSPEDALE DI ASTI? PERCHE’ L’OSPEDALE VUOL ANCHE DIRE ECONOMIA, SVILUPPO, LAVORO. PER QUESTO NON DOBBIAMO ABBANDONARE QUESTA LOTTA PER EVITARE LA PESANTE MUTILAZIONE ANNUNCIATA.

intervista a Loretta  BOLOGNA

Stiamo facendo una piccola  inchiesta sui  tagli  all’Ospedale di  Asti. Il nuovo Caffè è stato in prima linea , tu stessa hai pubblicato diversi  post con migliaia di contatti. Che idea ti sei fatta ?

My beautiful pictureEssendo   Amministratore di condominio incontro  tante persone. Colgo  in tutti preoccupazione e sconcerto per una decisione che appare ingiustificata.

Abbiamo un ospedale  nuovo , con buoni servizi, in qualche caso eccellenti,  dei parametri rispettosi della legge, meno posti letto di quanti ci spetterebbero e nonostante ciò … Si tratta quindi  di  una decisione politica e non   tecnica,  tant’ è vero che  nel giro di pochi giorni (grazie anche  all’azione  del Comitatodi protesta) la Regione ha dimezzato i tagli   previsti , da 12 a  sei. La cosa puzza..

La gente  ha capito cosa sta accadendo?

Ha capito benissimo, tant’è che  i cittadini hanno  subito risposto all’appello dei propri amministratori. Tuttavia credo che  molta gente  non si  sia ancora resa conto  fino in fondo  del  danno che la città  subirà comunque anche “ salvando” sei reparti su 12. Questa mutilazione  è l’inizio di un  declino che colpirà sempre di più il nostro ospedale  e tutta  la città.

E le nostre Autorità  cosa fanno?

Passata la fiammata iniziale e la paura di essere “ annullati”   è subentrato un clima di rassegnazione  soprattutto perché le Autorità che dovevano guidare l’azione non fanno  più fronte comune e gli interessi di partito stanno prevalendo su tutto. Basti vedere il Comune di Asti: il sindaco doveva  fare la marcia su Torino ( lo aveva proposto lui..) ricorrere  in Tribunale, far  questo, quello e quell’altro ma alla fine non ha fatto nulla di tutto ciò.

E’ prevalsa la politica?

E’ evidente.  Il sindaco ( che è anche presidente della provincia) e i suoi consiglieri  comunali  fanno parte della stessa squadra  di Chiamparino e  soci e non si metteranno mai  uno contro l’altro mettendo magari  a rischio la propria carriera personale come alcuni  maliziosi  dicono del sindaco  di Asti. Spero che non sia vero. E poi non ci va proprio giù che la Regione voglia risparmiare su un settore così delicato per destinare magari le proprie risorse in chissà cosa d’ altro.. magari per un altro grattacielo  milionario per i propri uffici ?

Quali sono i risvolti sull’economia cittadina?

Tanti e importanti. L’ospedale è una grande azienda con  5000 passaggi  giornalieri e il  settore sanitario  occupa oltre 2000 dipendenti. Il suo ridimensionamento  avrà conseguenze sull’occupazione e sullo sviluppo.

Come si può  fare per  reagire a questa situazione?

Lavorare per ridare una identità al nostro bellissimo territorio che  rappresenta la sola cosa proprio “ nostra” , una identità che nessuno può copiare o portarci via..