il NUOVO CAFFE' | UN BEL SEGNALE( NON SONO MOLTI) PER ASTI: IL FONDO AMBIENTALE ITALIANO ( FAI) RITORNA AD ASTI
3155
single,single-post,postid-3155,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

UN BEL SEGNALE( NON SONO MOLTI) PER ASTI: IL FONDO AMBIENTALE ITALIANO ( FAI) RITORNA AD ASTI

UN BEL SEGNALE( NON SONO MOLTI) PER ASTI: IL FONDO AMBIENTALE ITALIANO ( FAI) RITORNA AD ASTI

IL FONDO AMBIENTALE ITALIANO ( FAI) RITORNA AD ASTIfai copy

Il “ritorno” del FAI nella nostra città è un bel segnale. Asti è una città ricca di testimonianze  architettoniche, monumentali e ambientali  soprattutto se  intendiamo  per “ambiente” il luogo  e il modo in cui si manifesta  la vita di una  comunità nella sua sedimentazione ed  evoluzione storica. In questo senso  compito dal Fai è, fra tante  altre cose,  quello di rendere vivo, conosciuto e goduto  il patrimonio  culturale  astigiano e  più in generale  tutto  ciò che  di bello ed interessante la nostra città  possiede.  In un  momento di gravi restrizioni,  infatti, la tentazione di “tagliare” tutto ciò appare  falsamente superfluo  e di considerare la cultura un lusso  per tempi migliori  è senza dubbio un rischio.  Ma noi sappiamo che sarebbe un errore perché la Cultura è amore della conoscenza e aiuta a fa emergere le  migliori qualità dell’uomo. Ecco perché è molto bello che  il FAI sia tornato nella nostra città che sicuramente potrà beneficiare dell’opera volontaria  di questa benemerita associazione di cui ho il piacere di far parte.

Loretta Bologna